Ente di Patronato e di Assistenza Sociale
Via S. Croce in Gerusalemme, 96 - 00185 Roma
Tel. 06.4818918 - Fax 06.48976812 - [email protected]
Numero Verde 800 029661

 I Vostri diritti sono i Nostri doveri!

IN MEMORIA DI TUTTE LE VITTIME DEL TERRORISMO
»Home »News
»Chi siamo »link utili
»Attività »Cookie Policy
»Privacy Notice
Mandato Assistenza ELETTRONICO
domenica 18 aprile 2021    Italiano Francese English Spagnolo Tedesco
x-CHIUDI
Indietro  Stampa  Stampa PDF    A | A | A |
Torna indietro    da "IL SOLE 24 ORE" del 30/03/2006

Applicazione delle pratiche in “tempo reale”
L’Inps dà il via all’utilizzo generalizzato della metodologia di lavoro chiamata “tempo reale”, che verrà impiegata presso tutte le strutture sul territorio nazionale, per abbreviare i tempi di gestione e migliorare i rapporti con i cittadini. E’ stato lo stesso istituto a rendere nota la conclusione positiva della fase sperimentale e il passaggio all’applicazione di massa, con la circolare n. 50 del 28 marzo, diffusa ieri.

Sperimentazione ed estensione
Dal 2 agosto dello scorso anno è stata avviata una fase sperimentale che ha interessato 17 strutture sul territorio. I risultati della sperimentazione hanno evidenziato una generalizzata efficacia delle nuove modalità organizzativa, per cui è stata decisa l’estensione su tutto il territorio. Le sedi dovranno gestire il lavoro corrente per le richieste di soggetti singoli o organizzati “a flusso”, avviando e concludendo la lavorazione in front office senza soluzione di continuità. Lo stesso discorso andrà fatto per il lavoro che deriva da flussi informativi (per esempio ricicli, rettifiche e anomalie). Situazioni di criticità e arretrati non devono impedire – sottolinea la circolare – l’attivazione del “tempo reale”, che anzi sarà utile per avviare percorsi virtuosi purché ne venga operata la separazione dal flusso corrente (da gestire in logica di tempo reale) e vengano predisposti piani di smaltimento delle giacenze.

Collaborazione e comunicazione
Sarà importante rafforzare i rapporti con patronati, consulenti del lavoro e associazioni, perché la collaborazione con questi soggetti e il loro coinvolgimento  - precisa sempre l’Inps – sono necessari per la buona riuscita dell’operazione. Per coinvolgere anche i cittadini non patrocinati, sarà avviata una campagna di comunicazione che dovrà fornire informazioni specifiche per rendere gli interlocutori dell’Inps sempre più consapevoli di come produrre una documentazione esatta e completa e dei vantaggi che ne conseguiranno in termini di velocizzazione del servizio. L’operazione sarà oggetto di monitoraggio, con un momento di verifica sui risultati raggiunti fissato al 30 giugno 2006.

Ascolta Ascolta questo testo: (voce maschile) | (voce femminile)
ATTENZIONE! Essendo una versione beta, questo lettore
potrebbe non funzionare correttamente con alcune news


FNA Il Patronato EPAS è un servizio della FNA - Federazione Nazionale Agricoltura