Ente di Patronato e di Assistenza Sociale
Via S. Croce in Gerusalemme, 96 - 00185 Roma
Tel. 06.4818918 - Fax 06.48976812 - [email protected]
Numero Verde 800 029661

 I Vostri diritti sono i Nostri doveri!

IN MEMORIA DI TUTTE LE VITTIME DEL TERRORISMO
»Home »News
»Chi siamo »link utili
»Attività »Cookie Policy
»Privacy Notice
Mandato Assistenza ELETTRONICO
domenica 18 aprile 2021    Italiano Francese English Spagnolo Tedesco
x-CHIUDI
Indietro  Stampa  Stampa PDF    A | A | A |
Torna indietro    da "IL SOLE 24 ORE" del 19/04/2006

L'agricoltura aggiorna i contributi alla busta paga
Contributi previdenziali più “sostanziosi”, dal 1° gennaio 2006, per i lavoratori agricoli. Lo precisa l’articolo 1, comma 4, del Dl 2/2006 (convertito dalla legge 81/2006) per il quale l’Inps ha emanato la circolare applicativa n. 57 del 14 aprile 2006. In pratica, la retribuzione effettiva diventa la base imponibile per il calcolo dei contributi pensionistici e assistenziali anche nei confronti dei lavoratori agricoli a tempo determinato. Scompare così dalla scena previdenziale l’articolo 28 del Dpr 488/1968 secondo il quale i contributi erano dovuti per gli operai agricoli a tempo determinato, sulla base delle retribuzioni medie convenzionali (articolo 4 del Dlgs 146/1997) quando queste non fossero state superate dal salario contrattuale. Ciò significa che scatta anche per gli operai agricoli a tempo determinato quanto stabilito dall’articolo 1, comma 1, del Dl 388/1989 – convertito dalla legge 389/1989 – ovvero che, dal 1° gennaio 2006, la retribuzione da assumere quale base del calcolo contributivo non può essere inferiore all’importo delle retribuzioni fissato da leggi, regolamenti, contratti collettivi, o individuali se più favorevoli. In questo modo, applicando l’articolo 12 della legge 153/1969, come modificato dall’articolo 6 del Dlgs 314/1997.

Va anche aggiunto che quando i salari contrattuali risultino inferiori ai minimali di legge, così come rivalutati secondo l’articolo 1, comma 2, della legge 537/1981, devono essere indicati, nei modelli di dichiarazione trimestrali relativi anche alla manodopera occupata a tempo determinato, i valori minimi previsti dalla legge che, per l’anno 2006, sono determinati in 36,14 euro, quanto alla misura minima giornaliera (6,25 euro quale misura minima oraria per il caso di part-time orizzontale). Naturalmente le agevolazioni contributive a favore dei datori di lavoro agricoli  spettano nel rispetto di questi minimali. Inoltre, secondo l’Inps – ma l’ultima parola sarà del Ministero del Welfare – l’effetto combinato dei commi 4 e 5 dell’articolo 1 della legge 81/2006 parrebbe che la retribuzione “contrattuale” sia stata estesa, oltre che agli operatori a tempo determinato anche agli “assimilati” e cioè agli “equiparati” citati all’articolo 8 della legge 334/1968, ovvero «i piccoli coloni, i compartecipanti familiari e i compartecipanti individuali». Ecco le modifiche alle istruzioni sulla compilazione del modello Dmag-Unico relativo a dichiarazioni in competenza anno 2006: le retribuzioni di tipo ordinario “O” vanno sempre denunciate e, quindi, o campo dovrà sempre esser avvalorato, anche nelle denunce di operai a tempo determinato. L’Inps fa notare, inoltre, che:

  • per il lavoratore in malattia o infortunio, quando il datore di lavoro integri l’indennità erogata dall’Inps o dall’Inail, il campo “retribuzioni” dovrà sempre essere avvalorato;
  • per gli operai a tempo determinato, con “codice contratto” 014 (Lsu) e 038 (Pip), il campo “retribuzioni” non dovrà mai essere avvalorato;
  • per i compartecipanti individuali, con codice contratto “020” (Ci) e “021” (Ci Le), il campo “retribuzioni” non dovrà essere avvalorato in attesa della risposta ministeriale.

Ascolta Ascolta questo testo: (voce maschile) | (voce femminile)
ATTENZIONE! Essendo una versione beta, questo lettore
potrebbe non funzionare correttamente con alcune news


FNA Il Patronato EPAS è un servizio della FNA - Federazione Nazionale Agricoltura