Ente di Patronato e di Assistenza Sociale
Via S. Croce in Gerusalemme, 96 - 00185 Roma
Tel. 06.4818918 - Fax 06.48976812 - [email protected]
Numero Verde 800 029661

 I Vostri diritti sono i Nostri doveri!

IN MEMORIA DI TUTTE LE VITTIME DEL TERRORISMO
»Home »News
»Chi siamo »link utili
»Attività »Cookie Policy
»Privacy Notice
Mandato Assistenza ELETTRONICO
sabato 27 febbraio 2021    Italiano Francese English Spagnolo Tedesco
x-CHIUDI
Indietro  Stampa  Stampa PDF    A | A | A |
Torna indietro    da "Redazione EPAS" del 13/10/2003

La pensione di vecchiaia contributiva
L’art. 1 della legge 335/1995 ha introdotto una nuova forma di pensionamento, liquidata con il sistema di calcolo contributivo: la cosiddetta pensione di vecchiaia.
Il trattamento pensionistico spetta in presenza di dei seguenti requisiti:
  • risoluzione del rapporto di lavoro;
  • compimento del 57° anno di età;
  • 5 anni di contribuzione effettiva;
  • importo della pensione pari o maggiore a 1,2 volte la misura dell’assegno sociale . Si prescinde da tale limite di importo della pensione al compimento del 65° anno di età.
  • Si può accedere alla pensione di vecchiaia prima dei 57 anni nel caso in cui il soggetto abbia raggiunto un’anzianità contributiva non inferiore a 40 anni. (Non vanno considerati, per il raggiungimento dei 40 anni, né i contributi volontari né quelli da riscatto di periodi di studi).

    Ascolta Ascolta questo testo: (voce maschile) | (voce femminile)
    ATTENZIONE! Essendo una versione beta, questo lettore
    potrebbe non funzionare correttamente con alcune news


    FNA Il Patronato EPAS è un servizio della FNA - Federazione Nazionale Agricoltura