Ente di Patronato e di Assistenza Sociale
Via S. Croce in Gerusalemme, 96 - 00185 Roma
Tel. 06.4818918 - Fax 06.48976812 - [email protected]
Numero Verde 800 029661

 I Vostri diritti sono i Nostri doveri!

IN MEMORIA DI TUTTE LE VITTIME DEL TERRORISMO
»Home »News
»Chi siamo »link utili
»Attività »Cookie Policy
»Privacy Policy
mercoledì 26 febbraio 2020    Italiano Francese English Spagnolo Tedesco
x-CHIUDI
Indietro  Stampa  Stampa PDF    A | A | A |
Torna indietro    da "REDAZIONE EPAS" del 02/12/2016

Firmato l’accordo per il rinnovo degli statali
img

Dopo anni di blocco è stato siglato l’accordo per il rinnovo dei contratti del pubblico impiego- dichiara il Presidente Nazionale EPAS, Denis Nesci- varie sono state le fumate nere in questi anni, dovute alla mancanza di risorse necessarie. Questo-continua il Presidente, Nesci-ha acuito i dissapori, portato ad  inevitabili critiche da più parti e creato delusioni tra i dipendenti pubblici”.

La partita del rinnovo contrattuale per circa 3,3 milioni di dipendenti pubblici, bloccato da ben 7 anni, è arrivata finalmente ad una svolta. Sulle trattative pesava lo spettro dell’equilibrio dei conti pubblici e della cosiddetta “non crescita”. In particolare, i dipendenti pubblici, anche se con alcune differenze tra i vari comparti, hanno perso dal 2008 una media di 2.500 euro lordi l'anno, pari a 150 euro netti al mese, circa 220-230 euro lordi.

L’impegno finanziario del Governo per tale rinnovo è di 5 miliardi per tre anni, in particolare per l’anno prossimo è di 850 milioni circa, con un incremento salariale di circa 85 euro medi mensili. Resta in bilico il nodo sul bonus degli 80 euro, poiché il rischio è  che tale aumento contrattuale possa far decadere il bonus per lo sforamento del tetto del reddito necessario per mantenerlo. Sembra che l’intesa siglata impegni il Governo a quella che è stata definita “una verifica sugli effetti” che possa evitare inutili penalizzazioni.

Sono stati previsti incentivi per quei dipendenti che producono di più e che saranno più presenti a lavoro, infatti questo appare chiaro nella parte in cui si legge che  “le parti si impegnano ad individuare, con cadenza annuale, criteri e indicatori al fine di misurare l’efficacia delle prestazioni delle amministrazioni e la loro produttività collettiva con misure contrattuali che incentivino più elevati tassi medi di presenza”.

Il testo dell’intesa è sicuramente un passo avanti importante a favore dei lavoratori pubblici che chiedevano solo che venisse rispettato un loro diritto- aggiunge Denis Nesci, Presidente Nazionale del Patronato EPAS- ricordiamo che il congelamento del rinnovo era stato dichiarato illegittimo dalla Corte costituzionale, anche se con decorrenza dalla pubblicazione della sentenza.- conclude Nesci-Pertanto, era un atto dovuto da parte del Governo dopo anni di blocco di impegni non rispettati e  di sacrifici imposti ai lavoratori”.


Ascolta Ascolta questo testo: (voce maschile) | (voce femminile)
ATTENZIONE! Essendo una versione beta, questo lettore
potrebbe non funzionare correttamente con alcune news


FNA Il Patronato EPAS è un servizio della FNA - Federazione Nazionale Agricoltura